teatro d’impresa roma

You are here now : Formazione & Carriere >

Newsletter

2012 May 13 by

FormAzione & Carriere mette a disposizione degli utenti interessati una newsletter periodica per dar loro la possibilità di:

  • Rimanere aggiornati sui nuovi avvisi dei Fondi Interprofessionali e sulle modifiche in itinere degli stessi
  • Conoscere in anteprima le date di partenza dei nostri corsi di formazione a catalogo
  • Tenersi aggiornato sulle principali opportunità di finanziamento dei bandi pubblici
  • Conoscere le modifiche legislative della normativa sulla formazione finanziata

Compila il modulo in basso accettando l’informativa sulla privacy: sarai inserito nella nostra mailing list.

    Nome (obbligatorio)

    Cognome (obbligatorio)

    E-mail (obbligatorio)

    Telefono (obbligatorio)

    Telefono Cellulare (obbligatorio)

    Occupazione

    Azienda

    Privacy: Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e successive modifiche

    Rendicontazione dei progetti formativi finanziati

    2012 May 13 by

    L’attività di rendicontazione rappresenta la fase più delicata nella gestione di un finanziamento pubblico, collocata generalmente al termine delle attività progettuali e in alcuni casi in momenti di verifica in itinere.

    Dagli esiti che ne derivano dipende la valutazione, da parte di funzionari pubblici preposti, sull’amministrazione del finanziamento. In caso di gestione scorretta, l’ente gestore, oltre alla naturale responsabilità penale, rischia di dover restituire in tutto o in parte il finanziamento ricevuto con probabile dissesto del proprio assetto finanziario, nonché il deterioramento delle relazioni in essere con fornitori e clienti coinvolti nel progetto.

    In questa prospettiva FormAzione & Carriere concepisce l’attività di rendicontazione non come verifica finale ma come costante che accompagna l’intera gestione progettuale, dall’avvio al termine delle attività. Gestire fondi pubblici vuol dire lavorare secondo principi di economicità, tracciabilità, pertinenza e documentabilità delle spese, in una gestione partecipata e coordinata tra tutte le funzioni aziendali coinvolte nello svolgimento del progetto.

    L’attività di rendicontazione, realizzata in questi termini, comporta dunque le seguenti azioni:

    • Supervisione delle funzioni e dei processi aziendali implicati nell’area progettuale;
    • Interscambio con le funzioni di coordinamento e amministrazione nello svolgimento delle pratiche gestionali che permettano di condurre armonicamente il processo;
    • Monitoraggio sullo stato di avanzamento del progetto;
    • Monitoraggio sullo stato di attuazione degli adempimenti legislativi ai sensi della normativa vigente ed eventuali modificazioni;
    • Raccolta dei documenti contabili atti a dimostrare la veridicità delle attività svolte;
    • Controllo sulla documentazione contabile ed amministrativa, verificando l’effettiva conformità alle normative civilistiche;
    • Rapporti con il funzionario pubblico preposto alla rendicontazione del progetto;
    • Predisposizione di tutti gli strumenti e i documenti richiesti in sede di rendicontazione;
    • Rendicontazione in pubblica sede e adempimenti successivi.

    Per scoprire tutti i vantaggi della rendicontazione in outsourcing chiedi la visita gratuita di un nostro consulente compilando ora il modulo della sezione Contatti.

     

    Selezione e Gestione delle Risorse Umane

    2012 May 13 by

    Assumere e trattenere una squadra di persone eccellenti è una sfida per qualsiasi organizzazione. Quando si parla della gestione delle risorse umane si tende a pensare esclusivamente alla selezione del personale ma la situazione è in realtà molto più complessa.

    La gestione delle risorse umane è un campo di lavoro che ha un’azione davvero molto vasta, in cui può rientrare come mansione anche la selezione del personale ma non solo questa. 
La gestione delle risorse umane riguarda infatti tutta la gestione delle persone che lavorano in un’azienda dal momento della loro selezione e del loro ingresso in azienda sino al momento del loro licenziamento o del pensionamento, è quindi una campo di lavoro che copre tutta la vita lavorativa dei dipendenti e che mira a renderla molto più semplice, priva di problemi e tranquilla.

    FormAzione & Carriere mette a disposizione delle aziende il know-how maturato negli anni dai suoi consulenti, offrendo efficacemente servizi di:

    • Selezione e recruitment del personale operativo e manageriale
    • Inserimento in azienda
    • Addestramento e formazione iniziale
    • Valutazione della prestazione lavorativValutazione della posizione e del potenziale

    Offriamo alle imprese una consulenza completa per assumere persone di qualità e per mantenerle più a lungo in azienda.

    Per scoprire tutti i vantaggi della selezione e gestione delle risorse umane in outsourcing chiedi la visita gratuita di un nostro consulente compilando ora il modulo della sezione Contatti.

    Il Teatro d’Impresa

    2012 May 13 by

    Lo scopo principale della formazione teatralizzata è di far sì che la crescita personale dei partecipanti, raggiunta attraverso azioni e riflessioni sulle azioni, sia un arricchimento spendibile anche nel contesto lavorativo.

    Nei contesti lavorativi il teatro ha diversi scopi e obiettivi:

    • funzione di animazione in occasione di corsi e seminari, incontri di lavoro, presentazioni di linee di prodotto
    • può servire per focalizzare l’attenzione su un particolare aspetto aziendale sul quale far riflettere il pubblico, spesso appartenente all’azienda stessa
    • può essere un’ottima spinta al cambiamento perché attraverso un percorso di riflessione riesce a mettere in discussione modelli e schemi comportamentali e facilita il rinnovamento. 

    Il Teatro d’impresa è anche un importantissimo strumento di comunicazione aziendale, molto coinvolgente e interattivo per veicolare informazioni e comunicazioni interne finalizzate all’aggiornamento, alla diffusione vision e mission aziendali, allo stimolo del senso di appartenenza o per celebrare particolari momenti della storia aziendale.

    Il teatro d’impresa che si pone l’obiettivo della crescita e dello sviluppo del personale attraverso un percorso catartico e ludico di apprendimento esperienziale, sia individuale che di gruppo, messo in atto sperimentando diversi canali di comunicazione e relazione in contesti non usuali e in nuove prospettive.

    Il Teatro d’impresa, per affermarsi e diffondersi non come moda, ma come valido strumento nell’ambito della formazione adulta, ha bisogno di operatori professionalmente preparati in grado di valorizzarne le grandi potenzialità.

    Per operare nel settore con valide ed efficaci finalità formative occorre avere notevole capacità ed esperienza teatrale e conoscere in maniera approfondita il mondo organizzativo e il processo formativo. Il formatore deve saper facilitare il percorso formativo e il suo compito non si conclude alla fine dello spettacolo, ma deve fare da sostegno e da tramite fra l’esperienza teatrale e l’effettiva e reale applicazione di quanto appreso nel contesto lavorativo. Molto importante il suo ruolo nelle delicate e complesse fasi di debriefing e di valutazione finale dell’intervento formativo, momenti fondamentali per verbalizzare l’esperienza e trasferire l’apprendimento in ambito organizzativo e per sottolineare e analizzare l’utilità dei risultati ottenuti e quindi dare valore concreto all’esperienza.

    FormAzione & Carriere ha affidato la gestione e l’implementazione delle metodologie teatrali all’attore e sceneggiatore Fabrizio Buompastore, che ha individuato nel teatro d’impresa una modalità di espressione della propria indole artistica.

    Bilancio delle Competenze

    2012 May 13 by

    Nel corso della propria vita si acquisiscono molte abilità e competenze. Giunge, per tutti, il bisogno di capitalizzare il proprio percorso professionale e formativo: è quindi importante conoscere i punti di forza personali.

    Il Bilancio delle Competenze è una tecnica di orientamento che ha lo scopo di aiutare a fare il punto su se stessi, rilevando capacità acquisite, esperienze maturate, interessi, attitudini e aspirazioni spesso inespresse quindi a volte sconosciute allo stesso soggetto.

    Si parla, appunto, di capacità acquisite in modo formale (i propri studi), non formale (la propria attività lavorativa) e informale (la propria vita sociale).

    Con il termine Bilancio delle Competenze ci si riferisce ad un percorso di orientamento strutturato, che aiuta le persone a conquistare consapevolezza sulle proprie competenze, capacità, attitudini, aspirazioni professionali, in qualsiasi fase della propria vita personale e professionale.
 L’intenzione di verificare le proprie risorse e di prenderne consapevolezza, ne fa uno strumento di orientamento, motivazione e supporto alla costruzione di un proprio progetto formativo o professionale. Quindi l’attore principale è l’individuo che possiede ed utilizza un sistema di competenze caratterizzato da conoscenze e capacità , motivazioni e valori e immagine di sé che gli consentono di esprimere comportamenti professionali competenti.

    Il percorso si rivolge a persone che hanno già maturato esperienze lavorative, e che intendono svilupparne nuove o proporsi in altri settori professionali; a giovani inoccupati che si preparano a entrare nel mondo del lavoro e a coloro che desiderano pianificare un reinserimento lavorativo dopo un periodo di assenza per far ripartire la propria carriera.

    Il percorso si compone di due fasi: la compilazione di test auto-valutativi e un colloquio individuale con uno psicologo. Dopodiché i dati ottenuti sono incrociati per la redazione di un report dove vengono evidenziati i punti di forza e le aree di miglioramento di ciascuna persona, nonché le potenzialità e le risorse interne da valorizzare per il proprio percorso di vita. 
Il risultato finale del Bilancio delle Competenze è un progetto che coinvolge direttamente la crescita della persona, rendendola protagonista del proprio sviluppo formativo, attraverso la ricostruzione di proprie conoscenze, abilità e risorse. Il Bilancio delle Competenze diventa un’opportunità anche per le imprese, perché può garantire risorse motivate a raggiungere obiettivi aziendali nonché per ottimizzare la gestione del personale, essendo un’azione finalizzata allo sviluppo della professionalità nell’ottica della formazione continua.

    
Il Bilancio delle competenze permette inoltre di identificare le potenzialità delle risorse aziendali e conseguentemente inserire “la persona giusta al posto giusto”.
 Il Bilancio delle Competenze per l’impresa può essere prezioso per contribuire alla gestione delle Risorse Umane e per sviluppare professionalità in quanto favorisce nelle persone l’acquisizione di autonome capacità di autovalutazione, di attivazione e di scelta; permette di anticipare i cambiamenti come favorire la mobilità interna ed esterna e l’adattamento a nuovi ruoli professionali; contribuisce alla progettazione e allo svolgimento efficace della formazione continua per i piani di sviluppo aziendale; alimenta la motivazione, la responsabilizzazione e la condivisione dei piani di sviluppo individuali raggiungendo in questo modo il “ben-essere” aziendale.

    Il Bilancio delle Competenze può essere attivato in azienda quando si prevede una modifica degli assetti organizzativi aziendali, per decidere quali gli investimenti per lo sviluppo delle risorse interne in modo da acquisire vantaggi competitivi sul mercato e per avere una mappa aggiornata delle risorse umane presenti in azienda.

    Le azioni di Bilancio permettono di determinare un progetto professionale e, se necessario, un progetto di formazione.
Per realizzare il Bilancio vengono utilizzate sia le competenze trasversali (dette anche distintive) che e tecniche di base e quelle tecniche-professionali così da evidenziare quattro elementi chiave
della persona:

    • CHI E’ (bilancio di personalità);
    • COSA SA FARE ( attitudini personali e professionali);
    • COSA PUÒ FARE (potenzialità);
    • COSA SPERA DI FARE (obiettivi).

    Chiamaci per fissare un appuntamento o chiedi la visita gratuita di un nostro consulente compilando ora il modulo della sezione Contatti.

     

    Formazione a Catalogo

    2012 May 13 by

    Il catalogo dell’offerta formativa di FormAzione & Carriere rivolta al privato nasce dall’analisi e dalla conoscenza delle tendenze del mercato, delle nuove professionalità, dei fabbisogni insoddisfatti di figure professionali.

    I corsi di FormAzione & Carriere si svolgono, prevalentemente, nel fine settimana, al fine di consentire la partecipazione a persone occupate e non, per le diverse finalità professionali di carattere individuale.

    Sono prossimi alla partenza e puoi saperne di più facendone richiesta via mail:

    Area Crescita Personale:

    • Un Viaggio di Libertà Personale – Roma, 6 giorni full-time (chiedi info)
    • NLP Practitioner – Roma, 6 giorni full-time (chiedi info)
    • NLP Master Practitioner, Roma, 8 giorni  full-time (chiedi info)

    Area Project Management

    • Progettazione e Gestione dei piani formativi finanziati dai Fondi Interprofessionali – Roma, 3 giorni full time (chiedi info)
    • Allenarsi per la certificazione PMP  – Project Management Professional – Roma, 6 giorni full time (chiedi info)

    Area Vendite

    • Vendere Valore – NLP Practitioner applicato alla vendita – Roma, 6 giorni full time (chiedi info)
    • Controllo di Gestione nell’Area commerciale  – Roma, 2 giorni full time
    • Grandi performances commerciali: strumenti e tecniche al servizio della rete commerciale – Roma, 2 giorni full-time 

    Area Selezione e Gestione delle Risorse Umane

    • Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane nel Sistema Impresa – Roma, 6 giorni full-time (chiedi info)
    • Tecniche di Selezione del personale – Roma, 3 giorni full-time (chiedi info)
    • La gestione del personale tra normativa ed amministrazione fiscale – Roma, 2 giorni full time (chiedi info)
    • Le politiche retributive in azienda – Roma, 2 giorni full time (chiedi info) 
    • Le relazioni sindacali nel sistema impresa – Roma, 2 giorni full time 

    Area Organizzazione Aziendale

    • Ruolo e attività dell’Assistente di Direzione – Roma, 2 giorni full time
    • Organizzazione e gestione degli eventi  – Roma, 2 giorni full time

    Area Controllo di Gestione

    • Budget e controllo di gestione per inesperti – Roma, 4 giorni full time

    Area Lingua Inglese

    • Lingua Inglese (principianti) – Roma, 15 giorni  full time (chiedi info)
    • Lingua Inglese (livello intermedio) – Roma, 15 giorni full-time (chiedi info)
    • Lingua Inglese (livello avanzato) – Roma, 15 giorni full-time (chiedi info)
    • Lingua Inglese in F.A.D.  (formazione a distanza) – corso intensivo completo, 300 ore,  con test in ingresso e test in uscita, materiale didattico incluso) (chiedi info)


    Area Nuove Tecnologie

     

    • Informatica di Base – Roma, 5 giorni full-time (chiedi info)
    • Informatica Avanzata – Roma, 5 giorni full-time (chiedi info)
    • Microsoft Project (base ed avanzato) – Roma, 6 giorni full time (chiedi info)
    • Scoprire i linguaggi Apple: iWork (Numbers, Pages e Keynote) – Roma, 5 giorni full-time


    I corsi di formazione obbligatori

    2012 May 13 by

    La prevenzione dei rischi nei luoghi di lavoro prevede l’obbligo formativo, informativo ed eventualmente di addestramento per tutto il personale aziendale.

    La formazione sulla sicurezza sul lavoro è diventata indispensabile, oltreché obbligatoria, con il D.Lgs. 81/2008, e attraverso i più recenti D.Lgs 106/2009 e gli Accordi Stato Regioni, è stata ampliata la sua  sfera di applicazione.

    L’attività formativa andrà poi aggiornata con continuità: sono previsti corsi di aggiornamento periodici per tutte le figure inerenti la sicurezza.

    I principali corsi che devono essere effettuati in una piccola azienda, senza alcun onere economico a carico del lavoratore, sono:

    1. Corso di 16 ore per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dai Rischi (il datore di lavoro);
    2. Corso di 32 ore per Rappresentante dei Lavoratori (eletto dai dipendenti);
    3. Corso di 12 ore per addetti al Primo Soccorso (almeno due per ogni turno di lavoro);
    4. Corso di 4 o 8 ore per addetto antincendio (almeno due per ogni turno di lavoro).

    La formazione deve essere sufficiente ed adeguata soprattutto in relazione ai rischi riferiti alle mansioni (danni possibili e conseguenti misure di prevenzione e protezione) ed erogata da persone esperte nel momento in cui si costituisce un rapporto di lavoro, quando si cambiano mansioni o con l’introduzione di nuove tecnologie.

    Inoltre, per una valutazione dei rischi più efficiente e per un’individuazione migliore di misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione, è obbligatorio, sempre in caso di presenza di più persone (es. anche 2 soci lavoratori o presenza di dipendenti), avere un Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) ed un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).

    FormAzione & Carriere può erogare, sia in aula che in FAD, i seguenti corsi obbligatori introdotti dal D. Lgs 81/2008 Testo Unico Sicurezza.

    1. Corso di formazione D.lgs 81/08 R.S.P.P. per il Datore di Lavoro
    2. Corso di formazione Preposto
    3. Corso di formazione D.lgs 81/08 Addetto antincendio rischio basso (D.M. 10\03\98)
    4. Corso di formazione D.lgs 81/08 addetto primo soccorso (aziende tipo A, B, C) D.M. 388
    5. Corso di formazione D.lgs 81/08 R.L.S. Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza
    6. Corso di formazione D.lgs 81/08 Aggiornamento RLS
    7. Corso di formazione D.lgs 81/08 Formazione e Informazione Lavoratore
    8. Corso di formazione per il Primo Ingresso In Cantiere
    9. Corso di formazione D.lgs 81/08 Carrellista Mulettista
    10. Corso Rischio Stress Lavoro Correlato

    Per scoprire tutti i vantaggi della formazione obbligatoria e per organizzare un corso per la tua impresa chiedi la visita gratuita di un nostro consulente compilando ora il modulo della sezione Contatti. 

    Obblighi del Datore di Lavoro

    2012 May 13 by

    La Legge individua nel Datore di lavoro l’unico soggetto responsabile della sicurezza nell’Impresa: tale qualificazione comporta che questi debba provvedere a eseguire o a far eseguire tutti gli interventi necessari per neutralizzare le fonti di pericolo e rischio che rendono meno sicuri i luoghi di lavoro.

    Il datore di lavoro deve quindi adempiere a tutti gli obblighi previsti dalla Legge, in particolare:

    • Deve predisporre il Documento di Valutazione dei Rischi, contenente tutte le informazioni riguardanti la sicurezza nella propria azienda; nel caso di piccole attività (sotto i 10    addetti), il documento può essere predisposto anche in forma semplificata;
    • Deve far seguire specifici corsi di formazione ai propri dipendenti;
    • Deve controllare lo stato di salute dei propri lavoratori per verificarne l’idoneità alle mansioni a cui sono assegnati (visite periodiche);
    • Deve fornire idonei strumenti per tutelare sicurezza e salute (dispositivi di protezione individuale);
    • Deve vigilare che tutte le norme di sicurezza siano osservate.

    In caso contrario, il datore di lavoro è soggetto a gravi sanzioni pecuniarie e detentive.

    Formazione Obbligatoria: Overview

    2012 May 13 by

    Al fine di tutelare le aziende, i lavoratori e, più in generale, tutta la comunità, lo Stato, sia a livello centrale che a livello regionale, interviene regolamentando l’acquisizione di conoscenze di natura professionalizzante.

    Nasce in tal modo quella che viene definita la formazione obbligatoria che definisce i tempi, gli argomenti, i soggetti e gli ambiti di riferimento. Inoltre, poiché il cambiamento delle tecnologie, dei costumi e delle normative è continuo, oltre alla formazione iniziale, lo Stato determina le modalità anche per il suo continuo aggiornamento.

    A livello di sicurezza dei lavoratori, un grosso cambiamento ha avuto luogo con il D. Lgs. 81/08 che, intervenendo in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, ha riordinato le numerose norme che sono state emesse negli anni in un Testo Unico introducendo anche interessanti novità.

    Inoltre, sono stati approvati, in data 21.12.2011, gli Accordi Stato-Regioni, n° 221/CSR e n° 223/CSR, relativi alla formazione alla sicurezza indicati dall’art. 37, comma 2 (lavoratori, dirigenti e preposti ) e  dall’art. 34, comma 2 (datore di lavoro RSPP) del D. Lgs. n. 81/08. Gli accordi definiscono la durata, i contenuti e le modalità della formazione da svolgere.

    L’entrata in vigore di questi decreti obbliga le Imprese a tutelare la salute dei lavoratori, attraverso il mantenimento di adeguati standard di sicurezza nei luoghi presso cui si svolgono le attività aziendali.

    Procedura di adesione ai Fondi Paritetici Interprofessionali

    2012 May 13 by

    L’impresa aderisce ai Fondi Paritetici Interprofessionali in modo volontario.

    Quando l’impresa decide di aderire ad un Fondo Interprofessionale il datore di lavoro dovrà indicare nella “Denuncia Aziendale” del flusso UNIEMENS aggregato, nell’ambito dell’elemento “FondoInterprof”, l’opzione “Adesione” selezionando il codice corrispondente al Fondo Scelto (es: FAPI, FPRO, ecc) e inserendo il numero dei dipendenti interessati all’obbligo contributivo.

    L’effetto dell’adesione è immediato e verificabile dal mese seguente l’adesione. L’adesione è revocabile e s’intende tacitamente prorogata, salvo disdetta.

    Ogni impresa può aderire solamente ad un Fondo, anche di settore diverso da quello di appartenenza. Per i datori di lavoro che non aderiscono ai Fondi Paritetici Interprofessionali resta fermo l´obbligo di versare all´INPS il contributo integrativo secondo le disposizioni di legge.

    Per favorire la formazione del proprio personale dirigente le imprese possono aderire ad uno dei tre Fondi costituiti ad hoc (Fondirigenti, Fondir e Fondo dirigenti PMI). Ciò comporta che il contributo versato per questa tipologia di lavoratori verrà versato a tali Fondi. Per le imprese è quindi possibile, ma limitatamente a questo solo caso, aderire a due Fondi diversi.

    L’adesione a un fondo NON comporta alcun onere aggiuntivo per l’impresa.

    FormAzione & Carriere può darti un supporto concreto anche in questa fase, guidandoti passo per passo nella presentazione della documentazione. Chiamaci per fissare un appuntamento o chiedi la visita gratuita di un nostro consulente compilando ora il modulo della sezione Contatti.