Procedura di adesione ai Fondi Paritetici Interprofessionali

Formazione & Carriere > Formazione > Formazione Finanziata > Procedura di adesione ai Fondi Paritetici Interprofessionali

L’impresa aderisce ai Fondi Paritetici Interprofessionali in modo volontario.

Quando l’impresa decide di aderire ad un Fondo Interprofessionale il datore di lavoro dovrà indicare nella “Denuncia Aziendale” del flusso UNIEMENS aggregato, nell’ambito dell’elemento “FondoInterprof”, l’opzione “Adesione” selezionando il codice corrispondente al Fondo Scelto (es: FAPI, FPRO, ecc) e inserendo il numero dei dipendenti interessati all’obbligo contributivo.

L’effetto dell’adesione è immediato e verificabile dal mese seguente l’adesione. L’adesione è revocabile e s’intende tacitamente prorogata, salvo disdetta.

Ogni impresa può aderire solamente ad un Fondo, anche di settore diverso da quello di appartenenza. Per i datori di lavoro che non aderiscono ai Fondi Paritetici Interprofessionali resta fermo l´obbligo di versare all´INPS il contributo integrativo secondo le disposizioni di legge.

Per favorire la formazione del proprio personale dirigente le imprese possono aderire ad uno dei tre Fondi costituiti ad hoc (Fondirigenti, Fondir e Fondo dirigenti PMI). Ciò comporta che il contributo versato per questa tipologia di lavoratori verrà versato a tali Fondi. Per le imprese è quindi possibile, ma limitatamente a questo solo caso, aderire a due Fondi diversi.

L’adesione a un fondo NON comporta alcun onere aggiuntivo per l’impresa.

FormAzione & Carriere può darti un supporto concreto anche in questa fase, guidandoti passo per passo nella presentazione della documentazione. Chiamaci per fissare un appuntamento o chiedi la visita gratuita di un nostro consulente compilando ora il modulo della sezione Contatti.